Campobello. Il sindaco plaude alle forze dell’Ordine impegnate nel contrasto al lavoro nero in agricoltura

Castiglione: «Operazione particolarmente importante durante la raccolta delle olive» «Uno o pochi casi non possono tuttavia offuscare un intero settore, che è fatto prevalentemente di agricoltori onesti e laboriosi»

REDAZIONE, 25 OTT – Il sindaco Giuseppe Castiglione rivolge un plauso ai militari del Nucleo Carabinieri dell’Ispettorato del Lavoro di Trapani e del Nucleo Operativo del Gruppo Tutela del Lavoro di Palermo, nonché a tutte le forze dell’Ordine locali che in questo periodo sono impegnate quotidianamente a verificare la regolare occupazione dei lavoratori stagionali impiegati nella raccolta delle olive e la cui attività ha consentito, giorni addietro, di sanzionare un paio di imprese di Campobello accusate di aver reclutato lavoratori senegalesi, facendoli lavorare in nero.

«Si tratta di un’operazione – afferma il sindaco Castiglione – che assume particolare importanza proprio in questo periodo di raccolta delle olive in cui il nostro Comune è interessato dalla grave problematica di garantire ospitalità alle migliaia di lavoratori stagionali che, come ogni anno, si sono riversati nel nostro territorio per lavorare nelle campagne. Ritengo, infatti, che il contrasto al lavoro nero e allo sfruttamento della manodopera rappresentino la prima risposta concreta per limitare le dimensioni di questo fenomeno, assicurando in prima istanza legalità e rispetto delle regole, che non devono mai essere considerate solo un modo per evitare sanzioni, ma una tutela per tutti i lavoratori. Proprio con questo obiettivo – aggiunge il Sindaco – da circa 10 mesi, la nostra Amministrazione fa parte di un tavolo tecnico permanente istituito in Prefettura, che grazie alla collaborazione dell’Ufficio provinciale del lavoro, per la prima volta, ha consentito di censire questi lavoratori attraverso l’iscrizione a una lista di collocamento speciale. Inoltre, com’è noto, anche l’ingresso al campo di Fontane d’oro sarà consentito soltanto ai lavoratori in regola con i permessi di soggiorno e con i contratti di lavoro. Se l’operazione dei Carabinieri rappresenta, dunque, un grande e significativo risultato in tal senso – conclude il Sindaco – ritengo tuttavia anche doveroso affermare che uno o pochi casi non possono e non devono essere considerati rappresentativi di un intero settore della nostra economia locale, che a mio avviso è fatto prevalentemente di agricoltori onesti e laboriosi, che lavorano nel rispetto delle regole e della dignità dei propri lavoratori».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: