Campobello. Completata demolizione ex circolo, al suo posto nascerà un “salotto urbano”  nella via Crispi

L’area comunale “Ospedale Tedeschi Scuderi” di via Crispi, sede nel recente passato del “Circolo Nuovo”, sarà destinata a “salotto urbano”.

Sono stati infatti ultimati la settimana scorsa i lavori di demolizione del vecchio e pericolante edificio comunale avviati dall’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Castiglione al fine di mettere in sicurezza l’area, creando all’interno di essa un nuovo spazio pubblico che possa svolgere appunto la funzione di “salotto urbano”.

Dopo la demolizione dell’immobile, che versava in condizioni di fatiscenza, i lavori sono stati caratterizzati dalla sistemazione dello spazio interno, che è stato allestito in battuto di cemento, dalla messa in sicurezza delle mura perimetrali, che sono state abbassate e intonacate, nonché dal “recupero” di alcuni parti di vecchie mura in pietrame a secco che sono state consolidate e resinate al fine di preservare il valore storico dell’edificio, che in passato ha svolto un significativo ruolo di incontro per la comunità campobellese.

Sino agli anni ‘90, il “Circolo nuovo” ha infatti rappresentato per la cittadina di Campobello un luogo dalla forte connotazione aggregativa, dove trascorrevano il tempo libero sia gli uomini, perlopiù professionisti, che si incontravano per leggere il giornale o per scambiare opinioni, sia, soprattutto durante il periodo del Carnevale, le famiglie, che con fervore e coinvolgimento partecipavano alle feste da ballo in maschera e alle sfilate di mascherine organizzate all’interno dell’edificio.

All’interno del vecchio immobile sono stati rinvenuti anche un vecchio granaio “ipogeo”, scavato nella roccia sottosuolo, e un’antica stele in pietra, che sono stati ripuliti e valorizzati.

Le opere di demolizione e sistemazione dell’area sono state eseguite dall’impresa “Oddo Paolo” di Campobello, aggiudicataria della gara appaltata dal Comune.

I lavori sono costati al Comune complessivamente 50mila euro.

Completate queste prime opere, al fine di ridare vita a un luogo ricco di forza evocativa e che ha rappresentato uno dei principali catalizzatori sociali della comunità, l’Amministrazione comunale sta già definendo il progetto per la realizzazione all’interno dell’area di un “salotto urbano”.

Il progetto, redatto dagli uffici comunali con la collaborazione dell’assessore all’Urbanistica e ai Lavori Pubblici Valentina Accardo, in particolare, prevede un arredamento particolare dello spazio urbano con elementi tipici degli ambienti interni, quali sedute, piantane a paralume e dipinti raffiguranti scene da ballo, che saranno collocati lungo le pareti a confine, assumendo un ruolo evocativo al fine di richiamare alla memoria le feste che si tenevano all’interno del vecchio immobile. Gli spazi saranno inoltre delimitati da un nastro continuo in acciaio corten e all’interno dell’area saranno anche realizzati un pergolato di copertura, per consentire ai visitatori di trascorrere il tempo al riparo dal sole, e un’area gioco dedicata ai bambini, dove oltre alla collocazione di giochi nuovi, saranno riprodotti anche antichi giochi di strada, quali quello del “paradiso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: