Campobello. Biblioteca sempre più abbandonata: interpellanza del M5S

C’era una volta, a Campobello di Mazara, una biblioteca comunale, che, per la qualità e
quantità di libri di testo e contenuti multimediali posseduti, veniva considerata una delle
migliori della provincia di Trapani.
La biblioteca comunale oltre ad essere sede di cultura era l’unico luogo nel quale cittadini, studenti e bambini si recavano per trascorre piacevolmente qualche ora del proprio tempo libero.
Quando ero ragazzo e partecipavo al FantaCalcio, con gli amici, il lunedì mi recavo in
biblioteca per visionare le pagelle, che i severi giornalisti della Gazzetta dello Sport
attribuivano ai calciatori.
Già, perché magari ad un ragazzo, che oggi vive a Campobello, potrà sembrare strano ma le amministrazioni passate, che avevano a cuore la biblioteca comunale, con un budget modesto, riuscivano a garantire al cittadino, giornalmente, la lettura di ben 5 quotidiani ( Il Giornale di Sicilia, La Sicilia, La Repubblica, Il Corriere della Sera e la Gazzetta dello Sport), oltre la consultazione delle Gazzette ufficiali della Repubblica italiana e della Regione siciliana.
L’attuale amministrazione, non amando particolarmente la cultura (forse perché non porta voti?), ha ridotto progressivamente le somme stanziate per l’acquisto di libri e giornali fino ad azzerarle.
Oggi, l’utente, che arriva in biblioteca, trova la desolazione più assoluta, i quotidiani e libri   non vengono acquistati, l’amministrazione ha tolto, progressivamente, il personale di servizio, lasciando un unico dipendente che da solo deve contemporaneamente, oltre a catalogare, accogliere l’utenza, ricercare, individuare, prelevare, registrare e consegnare i libri che vengono richiesti dal cittadino.
E se l’impiegato dovesse assentarsi, per motivi di salute o per ferie, cosa succederebbe??
La biblioteca verrebbe chiusa, causando così, un disservizio alla cittadinanza???
Reputando tutto ciò assurdo, ho scritto e protocollato un’interpellanza nella quale chiedo al Sindaco, se è propria intenzione, di affiancare un altro dipendente, come era fino a tre settimane fa, all’unico impiegato assegnato alla biblioteca comunale.
TOMMASO DI MARIA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: