Acate (Rg). I carabinieri del N.O.E. di Catania sequestrano una cava di sabbia estesa  per 80.000 mq.

 Attivita’ estrattiva esercitata con autorizzazione scaduta nell’anno 2015: 1 persona denunciata.

I Carabinieri del NOE di Catania, nella prosecuzione delle attività di controllo nel settore delle cave predisposta dal Comando Carabinieri per la Tutela Ambientale, hanno proceduto a effettuare un’attività ispettiva in una cava di “sabbia marina” sita in contrada Piano Colla del Comune di Acate.

All’atto della verifica è emerso che la ditta che esercitava l’attività estrattiva era sprovvista della regolare autorizzazione, di competenza del Distretto Minerario di Catania, in quanto quella precedentemente posseduta era scaduta nell’anno 2015 e non era stata ulteriormente prorogata.

Sono state riscontrate anche violazioni penali relative all’omessa denuncia dell’inizio dei lavori alle competenti autorità e alla mancata nomina del direttore dei lavori prevista per legge.

Al termine delle operazioni è stata posta sotto sequestro preventivo l’intera area di cava pari ad 80.000 mq., nonchè una pala gommata ed un autoarticolato utilizzato per il trasporto del materiale estratto abusivamente.

Il sequestro è stato convalidato dall’Ufficio del Giudice per le Indagini preliminari del Tribunale di Ragusa  su parallela richiesta del Magistrato di Turno.

La titolare dell’azienda e proprietaria dei mezzi è stata deferita alla Procura della Repubblica di Ragusa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: